buon natale

1415

Buone feste da Adhr Group

“A Natale non importa cosa trovi sotto l’albero, ma chi trovi intorno” Stephen Littleword

Infatti lo staff di ADHR Group resterà sempre a Vostra disposizione!

Buon Natale e Felice Anno Nuovo

cercare lavoro

1409

Il Jobs Act e la legge di stabilità: i regali sotto l’albero degli italiani

Ci aspetta un 2015 pieno di novità sul fronte Lavoro; un carosello di sgravi contributivi, correzioni ed innovazioni sulle misure a sostegno delle nuove assunzioni.

Il “Jobs Act”, uno degli argomenti più gettonati sul fronte lavoro che ha caratterizzato le pagine dei migliori quotidiani per tutto il 2014 e lo stesso sarà per il prossimo anno, viene presentato nell’articolo del Il Sole 24 ore con tutti gli incentivi che saranno introdotti e quelli che, invece, verranno cambiati.

Clicca qui e scopri cosa porterà l’anno nuovo!

romania news

1397

ADHR ROMANIA – Esperienza senza confini

Adhr Group porta la sua esperienza nei processi di organizzazione, gestione e coordinamento delle risorse umane nei mercati e territori europei: nasce così Adhr Romania, l’evoluzione e l’innovazione di un gruppo, interamente a capitale italiano, in grado di gestire e comprendere le esigenze delle imprese anche oltre confine.

Clicca qui e scopri tutto su Adhr Romania

miglior azienda

1380

Quattro su Cinque delle migliori imprese sono Italiane

Da una ricerca condotta da Deloitte sulle intenzioni e le scelte degli studenti una volta conseguita la laurea è emerso che gli italiani avrebbero l’ambizione di lavorare per grandi aziende del nostro paese.

Scopri quali sono le aziende più desiderate cliccando qui

bottega scuola

1376

Adhr Group – Il progetto Bottega Scuola insieme a Confartigianato Cesena

Si estende “Bottega scuola” progetto di comunità- 21 giovani in bottega dai maestri artigiani dei mestieri tecnologici e della moda

Gli allievi tornano nei laboratori artigianali delle imprese, quest’anno quelle che operano nei settori dell’innovazione tecnologica (comparti casa e meccanica), e dell’abbigliamento e moda. Più esteso e rafforzato, rispetto alla fortunata prima edizione del progetto di comunità lanciato l’anno scorso con 21 ragazzi e altrettante imprese coinvolte in luogo dei dieci della prima edizione, è ai box di partenza Bottega Scuola 2014-2015, un percorso apripista e pilota nel nostro territorio e senza falsa modestia in Italia, con la regia partecipata di cinque soggetti promotori (Confartigianato Federimpresa Cesena, Fondazione Romagna Solidale, Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena, Centro di Solidarietà della Provincia di Forlì-Cesena e Fondazione Almerici) che hanno rinnovato quest’anno la loro preziosa collaborazione.

Ieri mattina la presentazione, presenti anche il sindaco di Cesena Paolo Lucchi, l’assessore alle attività produttive San Mauro Pascoli Stefania Presti, il preside dell’istituto Comandini Paolo Valli e il vicepreside dell’istituto Marie Curie di Savignano Luca Gori. Sono state coinvolte le imprese del territorio comprensoriale e non più solo di Cesena.

Sono ancora di più i giovani non occupati coinvolti rispetto alla prima edizione, che verranno formati per sei mesi in altrettante imprese di due comparti produttivi portanti del territorio con la formula brevettata della guida di un maestro artigiano, dopo un periodo di formazione trasversale condotto insieme su tutti i ragazzi che sarà avviato il 15 dicembre e la collaborazione con quattro istituti scolastici.

Un progetto di comunità, Bottega Scuola, che si è inserito nel circuito delle best practises formative a disposizione del territorio. Coordinatore della formazione trasversale sarà Roberto Lelli con la collaborazione di Adhr Group – Agenzia per il lavoro, orientamento, consulenza e selezione del personale che effettuerà un paio di interventi in occasione delle giornate di formazione trasversale insieme ai ragazzi. Fondamentale ancora una volta il raccordo con le scuole: nella scorsa edizione furono coinvolti istituto professionale Comandini di Cesena e liceo artistico di Forlì, quest’anno la collaborazione si estende a quattro istituti: Comandini di Cesena, Iti Blaise Pascal di cesena (dove opera il Fablab Romagna con cui il progetto Bottega Scuola collaborerà), la Scuola Centro Moda di Cesena e l’istituto Marie Curie di Savignano.Significativo, per attestare la riconosciuta dimensione di progetto di comunità, il patrocinio di due Comuni del Rubicone, San Mauro Pascoli e Savignano sul Rubicone.

Adhr Group e Confartigianato Cesena da  due anni collaborano attivamente con lo scopo comune di rendere un servizio attivo al territorio attraverso l’ascolto delle imprese, il dialogo con le istituzioni e la consulenza specializzata. La presenza di Adhr Group sul territorio, ha permesso di elaborare soluzioni su misura per soddisfare efficacemente le esigenze delle aziende, legate alla gestione delle risorse umane, oltre ad ottenere la fiducia di un numero sempre più significativo di clienti.

Clicca su questo link per vedere il servizio di Bottega Scuola realizzato da Videoregione

http://youtu.be/-oFOuVR6HQ

jobs act contratti

1355

JOBS ACT approvato! E adesso cosa succede?

Ieri sera dal Senato è arrivata la conferma sull’approvazione della riforma del lavoro e molte sono le modifiche

E, ad approvazione avvenuta, Renzi twitta: “L’Italia Cambia davvero!”

Per leggere nel dettaglio cosa il provvedimento poterà in atto clicca qui

confartigianato pisa

1335

Adhr Group e Confartigianato Impresa Pisa

Adhr Group Spa, con il supporto della filiale Adhr Pontedera, è lieta di invitarvi il 26 Novembre alle ore 17:00 al seminario: “Lavoro, Garanzie e Giovani. Ridurre i costi migliorando la produttività: opportunità e sviluppi post legge 78/2014″, organizzato in collaborazione con la Confartigianato Impresa Pisa.

L’incontro che si terrà presso l’Auditorium Orto di San Matteo in Via Solferino a Castelfranco di Sotto (PI) sarà un’ottima occasione di confronto sui cambiamenti e le innovazioni riguardanti il mondo del lavoro.

La partecipazione è gratuita. Vi aspettiamo!

Cliccare qui per scaricare la locandina.

 

 

ufficio creativo

1348

Creatività vs Razionalità: per gestire le situazioni di complessità le aziende hanno bisogno di creativi.

Crescente complessità del mercato, disponibilità ad assumersi rischi, empatia, creatività e razionalità.

Sono alcune delle 8 ragioni per cui, secondo l’articolo di FastCompany, di seguito riportato, una persona che usa l’emisfero destro del cervello può scalare la vetta della propria carriera.

La complessità del mercato è una delle motivazioni per cui i cosiddetti “creativi” sono in grado di cogliere aspetti più profondi e affrontare le problematiche in modo più accurato, aumentando, così, le possibilità di trovare le soluzioni migliori. Spinti dalla curiosità sono in grado di stimolare l’entusiasmo e l’estro nelle altre persone, cosa che non è concepita per chi pensa con l’emisfero sinistro.

Unire empatia, creatività e razionalità significa essere portati al “design thinking”, un processo orientato alla scoperta e al risultato, ritenuto molto producente dalle aziende.

 

Clicca qui per essere creativo

riunione di lavoro

1344

Aziende e sviluppo. E se la soluzione fossero i propri talenti?

“La presenza di persone di talento all’interno dell’azienda rappresenta uno dei principali elementi che crea per le aziende un vantaggio competitivo sostenuto nel tempo”. Questo è ciò che sostiene Paolo Braghieri, CEO di GE Capital Interbanca in un’indagine condotta con la School of Management del Politecnico di Milano in cui viene messo in evidenza il tema: “Investire sul talento per crescere ed innovare”.

L’obiettivo era quello di identificare le strategie di gestione dei talenti nelle medie imprese italiane, capire le pratiche adottate, la loro efficacia e la rispondenza rispetto alle aspettative, attraverso un duplice punto di vista: quello delle imprese e quello del personale dotato di particolari capacità.

I dati riscontrati dai responsabili del personale di 1000 imprese di dimensione media, hanno mostrato che le aziende italiane credono nelle proprie risorse umane, ma investono poco.

“La capacità di attirare e trattenere i talenti ha sempre rappresentato un punto di debolezza del nostro sistema industriale e ancora oggi molte organizzazioni, soprattutto nel segmento delle medie imprese, soffrono di un cronica mancanza di personale con spiccate doti.” Conclude Paolo Braghieri a seguito di ciò che la ricerca ha evidenziato.

Clicca qui per leggere i risultati completi!

curriculum bugiardo

1328

Curriculum bugiardo? Smascherato e cestinato!

Cresce il fenomeno del curriculum “ritoccato”. A confermarlo è una recente indagine di Careerbuilder.com, il quale ha reso note percentuali preoccupanti: il 58% dei recruiter americani avrebbe infatti riscontrato, bugie nei CV e il 33% di questi trova che il problema sia peggiorato con la crisi.

Gli americani non sono gli unici fantasiosi, anche in Italia la tendenza è in aumento; ad esempio ci sono quelli che mentono sulle date per coprire periodi di inattività, o chi si improvvisa molto sportivo, ma la bugia più diffusa si nasconde nella fotografia… in realtà Photoshop non fa miracoli!

Imprecisioni, eccessiva enfasi, omissioni ed esagerazioni degne dei tabloid che quotidianamente finiscono sulle scrivanie dei selezionatori.

Tante bugie ma anche tanta creatività!

 

Per leggere l’articolo correlato clicca qui.