Il bonus di ricollocamento: cos’è e i requisiti per ottenerlo

Il bonus di ricollocamento: cos'è e i requisiti per ottenerlo

28 novembre 2016

Il bonus di ricollocamento: cos’è e i requisiti per ottenerlo

Il bonus di ricollocamento 2016/2017 è l’ultima fase di attuazione del decreto Jobs Act. Il bonus, che va da 1.000 ad un massimo di 5.000 euro di valore, è rivolto a tutti coloro che si trovano in stato di disoccupazione e sono alla ricerca di un lavoro.

CHI PUÒ RICHIEDERLO E COME

– Il bonus di ricollocamento può essere richiesto da tutti i lavoratori disoccupati che percepiscono l’assegno di disoccupazione (NASPI) da almeno 4 mesi;

– Il lavoratore potrà rivolgersi alle agenzie per il lavoro del proprio territorio, dove sarà seguito da un tutor che gli fornirà l’assistenza necessaria per la compilazione di un corretto curriculum e lo guiderà in tutte le fasi di ricerca attiva di una nuova occupazione;

Per richiederlo formalmente, è necessario iscriversi sul sito dell’agenzia ANPAL (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro), compilando un modulo che valuta il grado di difficoltà nella ricerca del lavoro in base alle caratteristiche del singolo lavoratore: età, condizioni del mercato, professione e titolo professionale e altri fattori sociali;

– Tutti gli aventi diritto al Bonus riceveranno una lettera con l’invito alla registrazione sul sito dell’ANPAL, che sarà disponibile da mercoledì 30 novembre.

DURATA E IMPORTO

Il Bonus copre l’assistenza per un periodo di 6 mesi, con possibilità di proroga per altri 6 mesi. L’importo verrà corrisposto da un minimo di 1000 ad un massimo di 5000 euro. L’importo varierà a seconda della difficoltà nella ricerca di una nuova occupazione e al contratto di lavoro finale che si otterrà al termine del percorso di ricollocamento.

ESEMPI

Per i contratti a tempo indeterminato al lavoratore sarà corrisposto il 100% della somma, il 50% per il determinato e il 33% per contratti determinati da 3 a 6 mesi nel Sud Italia.

Il lavoratore potrà rifiutare la proposta di un nuovo lavoro per una sola volta, purché sussistano precise condizioni, ad esempio nel caso di proposta incongruente con le potenzialità e capacità del lavoratore. Un secondo rifiuto sarà invece motivo certo di sospensione sia del bonus di ricollocamento sia dell’indennità di disoccupazione NASPI.

Per approfondire cliccare qui.

Il bonus di ricollocamento: cos’è e i requisiti per ottenerlo ultima modifica: 2016-11-28T15:15:15+00:00 da ADHR - Agenzia per il Lavoro